Consigli fotografici #8

Martedì 20 Gennaio 2009

Modificare l'esposizione (medio)

Ciao a tutti, nelle puntate precedenti abbiamo parlato di tempo e diaframma come principali modi per regolare la quantità di luce che giunge al sensore, ovvero l'esposizione, Stavolta vediamo altri modi per ottenere questo risultato. Non pensate che stia parlando di cose di poco conto, in realtà è molto importante conoscerli!

Vi faccio un esempio: abbiamo deciso di fotografare un corridore che viene verso di noi e vogliamo che il pubblico alle sue spalle sia a fuoco ma purtroppo il cielo è piuttosto nuvolo e quindi abbiamo qualche problema. Ci serve un diaframma piuttosto piccolo per tenere a fuoco anche il pubblico (vedi puntata precedente sulla profondità di campo), ma purtroppo non riusciamo a fermare l'azione perchè il tempo scende inesorabilmente sotto il 1/150 di secondo a causa del diaframma scelto. Che fare?

1) Aumentare il valore degli ISO del sensore: questo consente di scattare con tempi più brevi al prezzo della qualità. Più gli ISO si alzano, più l'immagine risulta disturbata. Bisogna sempre valutare bene se sia il caso di portare gli ISO sopra il valore di 800. Io penso che la qualità di uno scatto sopra gli 800 ISO sia un buon parametro per valutare la qualità di una macchina fotografica.

2) Bloccare l'esposizione in un'area più chiara. Solitamente sulle macchine fotografiche c'è un tasto con una stellina ( * ). Questo tasto consente di scattare mantenendo l'esposizione rilevata al momento della pressione del tasto. E' utile ad esempio per un controluce: se non voglio che il soggetto diventi nero, posso inquadrare una zona scura, premere * e poi andare a scattare con l'inquadratura scelta. Ovviamente il soggetto chiaro si paga perdendo quasi certamente i dettagli del cielo.

3) Variando manualmente l'esposizione. C'è un comando che lo fa, solitamente si parla di STEP o 1/3 di step. Ovviamente dicendo alla macchina che voglio una foto scura, i tempi di scatto saranno inferiori e riuscirò a "fermare" il soggetto come avrei voluto.

4) Variando il metodo di valutazione dell'esposizione. Ci sono vari tipi di metodi con cui la macchina decide il tempo di esposizione: valutativo, pesato al centro e spot. Lo trovate sulle vostre macchine con il simbolo di [ ] vuoto, con dentro un cerchio o un punto. Se è vuoto viene calcolata l'esposizione migliore su tutta l'immagine. Se compare il cerchio, viene valutata l'esposizione ottimale solo nell'area centrale del soggetto. Se c'è il punticino, viene valutata l'esposizione ottimale al centro dell'inquadratura. In questo modo posso evitare di essere disturbato da luci o zone d'ombra che rimangono ai margini dell'inquadratura e lasciare che la macchina decida cosa è meglio fare per esporre meglio il soggetto al centro.

Ecco fatto. Sono certo che queste cose vi torneranno utilissime; ma non dimenticate che, all'occorrenza ci sono luci e flash (di cui parleremo la prossima volta). Un ultimo consiglio...

Se l'immagine risulta scura il mio consiglio comunque rimane quello di scattare in RAW, non in JPG. Questo perchè la compressione JPG perde molti particolari nell'area scura delle immagini, il RAW no. quindi se poi si deve schiarire al PC una RAW si avrà una qualità nettamente migliore rispetto al JPG.

A presto!


Utilizziamo i cookie per garantire le funzionalità del sito www.byza.it e per offrirti una migliore esperienza di navigazione.
Accetto Rifiuto Informativa completa