Englaro 2: oltre il buon gusto...

Venerdì 06 Febbraio 2009

Di parole su questa situazione se ne sono dette tante, ma i fatti degli ultimi giorni obbligano ad aggiungere ancora qualcosa.

A scuola ci insegnano che ci sono tre grandi poteri: il legislativo, il giudiziario e l'esecutivo.

Il parlamento fa le leggi, i giudici giudicano e chi di dovere esegue le sentenze.

In Italia non funziona così: una volta che i giudici hanno emesso una sentenza il parlamento emette altre leggi retroattive per cambiarla, la chiesa s'indigna, gli esecutori vengono giudicati e poi salta sempre fuori qualcuno a parlare di fascismo.

E diciamo due parole anche sulla chiesa: da quando in qua la chiesa si arride il permesso di dire che la morte è male e l'uomo deve evitarla ad ogni costo? C'è forse scritto qualcosa del genere nella Bibbia? A me risulta che su tutto il globo la morte arriva a porre fine alle sofferenze, a portare le persone al cospetto di Dio. Quindi con che coraggio impedire alla natura di fare il suo corso: ci sono milioni di bambini che muoiono di fame, a cui è negato di poter giocare e vivere felici e il Papa si preoccupa di non togliere la "cannetta" ad una persona che di sicuro non sta saltando e divertendosi in coma nel suo letto d'ospedale.

Se la Chiesa vuole dispensare sofferenza e rassegnazione alla famiglia Englaro la strada è quella giusta. Ma per gente come noi che pensa che chi ha fede non debba tenere la morte e il giudizio di Dio, allora forse è il caso di cambiare religione...


Utilizziamo i cookie per garantire le funzionalità del sito www.byza.it e per offrirti una migliore esperienza di navigazione.
Accetto Rifiuto Informativa completa