Best anime (e non) di Primavera 2021

Domenica 11 Aprile 2021

Devo dire che questo appuntamento con i nuovi anime della stagione mi sta piacendo un sacco, anche solo perché mi da la possibilità di fare una piccola selezione di cosa continuare a guardare e di cosa droppare. Questo mese ho guardato i primi episodi di una dozzina di serie, quasi tutte isekai, non perché stessi cercando proprio quel genere, ma piuttosto perché ne sono usciti veramente troppi.

Prima di darvi le dritte di questo periodo però volevo citare Zombie Land Saga: anche in questo caso è uscito il primo episodio, ma della seconda stagione. Ho deciso quindi di recuperare la prima perché non è male, se poi consideriamo che c’è dietro MAPPA, già nota per Jujutsu Kaisen, Dorohedoro, Kakegurui e Inuyashiki diciamo che le mie aspettative sono alte.

Purtroppo i titoli di questo mese sono piuttosto lunghi e difficili da ricordare quindi vi do anche la traduzione in italiano. Iniziamo!

Slime Taoshite 300 nen Shiranai Uchi ni Level Max ni Nattemashita, ovvero “Ho ucciso slime per 300 anni e ora ho raggiunto il massimo livello” è un isekai nel quale una giovane impiegata muore di stenti sul lavoro; le viene data la possibilità di reincarnarsi in un mondo fantasy con tutte le statistiche classiche degli RPG e con l’immortalità come ciliegina sulla torta. Per questo motivo dopo 300 anni passati ad uccidere ogni giorno qualche slime, giusto per tirare a campare, scopre di essere overpowered. Questa cosa sarà la fonte di tutti i suoi guai e delle sue nuove avventure. Il primo episodio mi da l’idea che si tratterà di qualcosa alla Kobayashi Dragon Maid. Consigliato.

Kyuukyoku Shinka Shita Full Dive RPG ga Genjitsu yori mo Kusogee Dattara, “Cosa succederebbe se l’RPG definitivo in VR fosse peggio della realtà” non prevede la morte del protagonista ma la possibilità di entrare nel VR-RPG con una connessione immersiva, proprio come in Bofuri. Mentre in Bofuri il gioco era piuttosto buggato, in questo caso è fin troppo realistico. Il protagonista, convinto di poterlo giocare in modo molto easy, non si rende conto che ogni sua azione avrà delle pessime conseguenze. Non pensate che si tratti di qualcosa di comico, paragonatelo piuttosto a “L’eroe dello Scudo”. Quindi come giudizio finale direi guardabile, ma con qualche riserva.

Isekai Maou To Shoukan Shoujo No Dorei Majutsu, cioè “Come non evocare un demon lord” è un isekai alla “Overlord”, dove il protagonista hikikomori viene evocato in un mondo fantasy da due belle e prosperose avventuriere. Aspettatevi un pò di scene ecchi e qualche risatina. La prima puntata non da grandi indizi su quale strada prenderà la storia, comunque leggero e guardabile.

Seijo No Maryoku Wa Bannou Desu è un isekai. Ma no? Tradotto è “il potere della santa è tutto intorno”. Storia di un’impiegata che viene evocata come santa in un mondo fantasy. Solo che ne evocano due e a quanto pare lei viene scartata, quindi decide di fare l’erborista, e lo fa con ottimi risultati. Dal primo episodio non sono riuscito a capire che piega prenderà il racconto, ma per ora è una serie molto leggera e penso valga la pena di dargli un’occhiata.

Prima di passare al pezzo forte, mi prendo questo paragrafo per segnalare The Way Of The Househusband, ovvero “la via del grembiule” uscito su Netflix è praticamente il manga. Non nel senso che è fedele all’originale, ma proprio perché hanno preso il manga e hanno animato le vignette con qualche movimento della telecamera o poco più. La cosa non è che mi abbia molto entusiasmato, ma vabbè.

Bene. Siamo giunti al pezzo forte di questo periodo. Non è un isekai e non è nemmeno un anime. Lo trovate su Amazon Prime. No, non è LOL. Si intitola “Invincible” ed è un cartone animato tratto da una storia di Robert Kirkman. E’ molto difficile raccontare la storia, ma posso solo dire che all’inizio non mi ha dato assolutamente nulla: un sacco di supereroi e nulla più. Poi sono arrivato agli ultimi cinque minuti del primo episodio e ho iniziato a pensare di stare guardando un mix di The Boys e Games Of Thrones. Non ho potuto non guardare immediatamente il secondo episodio.

Mi piacerebbe parlare anche di tutte le serie che si sono concluse in questo periodo, ma non vorrei portare via altro tempo. Diciamo che sentirò la mancanza di Jujutsu Keisen ma anche di Kaifuku Jutsushi no Yarinaoshi. Di questo ultimo titolo non avevo parlato molto bene, ma mi sono dovuto ricredere dopo la terza puntata. Per il momento è tutto!


Utilizziamo i cookie per garantire le funzionalità del sito www.byza.it e per offrirti una migliore esperienza di navigazione.
Accetto Rifiuto Informativa completa