Belle Delphine VS Monokuma

Martedì 24 Novembre 2020

Questa mattina, come spesso accade, mi sono svegliato scorrendo i post di twitter. La mia attenzione è stata attirata dalla notizia che l’account di YouTube di Belle Delphine è stato riattivato. Non sapendo che Belle avesse un account di YouTube, ne tantomeno che fosse stato disattivato, ho voluto approfondire. La tesi di Belle era semplice: su youtube sono accettati video con contenuti sessualmente più espliciti dei miei, quindi perché tollerate queste cose e bloccate me?

Il canale YT di Belle al momento in cui scrivo ha 2.7M di followers. Non me ne stupisco: in un mondo dove da oltre mille anni regna la “religione del principe azzurro” (prima lo sposi, poi ci fai sesso e in ogni caso dovrai essere felice e contento per sempre), ciò che Belle ha da offrire è sicuramente merce di valore per un pubblico sessualmente represso.

Mentre pensavo di liquidare tutto il discorso con la frase precedente però nel video di Belle succede qualcosa che mi sdegna profondamente. Apre un pacchetto regalo e getta il suo contenuto contro un monitor funzionante, rompendolo.

Il messaggio che mi arriva è molto semplice: posso rompere questo oggetto perché per me non ha valore.

Non è la prima volta che assisto a gesti come questo. Ci rimani male quando trovi una RX2080 nuova spezzata a metà nel camerino di uno youtuber, ma è anche peggio quando a essere distrutte sono le letterine e i regali di tanti ragazzini che ti esprimono i loro sentimenti.

Abbiamo trasformato ragazzini in idoli in grado di comprarsi un’auto nuova ogni mese, mentre altri darebbero la loro intera vita per un pezzo di pane. Insomma, per Belle Delphine il tempo passa esattamente come per ognuno di noi, ma se convertiamo il tempo in denaro la vita di ogni persona ha un valore diverso.

Questo è il messaggio totalmente sbagliato che non deve passare, non certo gli ammiccamenti sessuali di Belle.

Dare il giusto valore alle cose significa avere il rispetto della vita. In mancanza di questo equazioni profondamente sbagliate diventano accettabili. Uccidere i propri amici per diplomarsi è ciò che vuole Monokuma in un videogioco, uccidere un anziano per 50 euro è la realtà.


Utilizziamo i cookie per garantire le funzionalità del sito www.byza.it e per offrirti una migliore esperienza di navigazione.
Accetto Rifiuto Informativa completa