Il rispetto salvo eccezioni

Lunedì 27 Aprile 2020

Art. 13.

La libertà personale è inviolabile.

Art. 16.

Ogni cittadino può circolare e soggiornare liberamente in qualsiasi parte del territorio nazionale.

Art. 17.

I cittadini hanno diritto di riunirsi pacificamente.

Art. 32.

La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo (...)

La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.

---

"Salvo" è una parola che solitamente significa "al sicuro". Nella nostra Costituzione però ha un altro significato che è ben diverso.

Per colpa della parola "salvo" molti articoli della nostra Costituzione possono facilmente essere disattesi.

Premetto che nessuno vuole applicare ad ogni costo di disposizioni che in questo particolare momento possono risultare controproducenti per la salute dei cittadini, ma spetterebbe alla nostra classe politica la ricerca e la messa in atto di soluzioni nel rispetto dei principi della Costituzione.

Governo che invece ha preferito agire con divieti ed obblighi in completa antitesi con quei principi che fino a pochi anni ogni Presidente della Repubblica dichiarava intoccabili (Carlo Azeglio Ciampi, 17 settembre 2003).

Questa fragilità dei capisaldi della nostra società è preoccupante. La nostra Costituzione dovrebbe essere chiara e senza eccezioni manipolabili arbitrariamente dalle teorie di sicurezza sanitaria messe in campo dal primo governo a cui capita un problema indifferibile.

Allora si smetta di girarci intorno e si dica semplicemente: Costituzione sospesa per scelta del governo, fine dei diritti dell'individuo fino a nuovo ordine.

Chiaro e semplice. Giusto o sbagliato lo si potrà decidere solo quando avremo una democrazia, ma soprattutto una Costituzione, senza "salvo eccezioni".


Utilizziamo i cookie per garantire le funzionalità del sito www.byza.it e per offrirti una migliore esperienza di navigazione.
Accetto Rifiuto Informativa completa