Ottenere il passaporto in Italia

Venerdì 20 Aprile 2018

Oggi per ottenere un passaporto è necessario prenotare un incontro presso la questura della propria provincia tramite il sito della Polizia di Stato: https://www.passaportonline.poliziadi...

Specifico che, ne il mio comune, ne il locale comando dei Carabinieri ad oggi sono delegati a svolgere questo servizio.

Una volta fissato l’appuntamento si fornisce tutta la documentazione necessaria e poi si deve attendere ancora qualche settimana la consegna del documento.

Detta così sembra una cosa estremamente semplice. Nei fatti quando vi connettete al sito sopra indicato una notifica vi informa che la prima data disponibile per un appuntamento è dopo un paio di mesi. Come se non bastasse c’è un orario preciso al quale collegarsi al sito per poter prenotare un un numero limitato di posti.

Così oggi 20 aprile ore 7.45 di mattina sono virtualmente in coda ad aspettare di poter prenotare un appuntamento nella giornata del 2 luglio per consegnare i documenti necessari a ottenere il passaporto.

Alle 8.15, dopo svariati refresh, timeout e re-login sono finalmente in grado di completare la procedura di richiesta.

Prendo atto che i servizi telematici della PA sono così avanti che anche le code sono state digitalizzate. Da tecnico informatico questa cosa mi fa ribrezzo, doppiamente se penso ai costi che avranno sostenuto per ideare questa simpatica presa per il culo agli utenti implementata direttamente nel sito della Polizia di Stato: ricordiamo i 60 milioni di euro per creare italia.it …

Perché creare un sistema di questo tipo? Semplice: per evitare di aumentare la lunghezza della coda oltre i 70 giorni e dimostrare così l’ “efficienza” del servizio. Tutti gli utenti che rimangono giorni e giorni in attesa di riuscire a prenotare non fanno testo a livello statistico perché le loro informazioni non sono acquisite, che poi il server del servizio collassi tutte le mattine alle 8 per questa brillante idea per loro è secondario.

Come si potrebbe gestire meglio questo servizio? Basterebbe acquisire tutte le richieste e poi allocarle negli orari disponibili avvisando l’utente con una email di conferma. In questo modo saprei anche le tempistiche effettive di evasione delle richieste e potrei ottimizzare il personale laddove si presentano le criticità.

Ma questo mica si chiama Industria 4.0, io lo chiamerei Pubblici (Dis)Servizi 0.0...


PreviousIndextNext

Utilizziamo i cookie esclusivamente per garantire una miglior fruizione delle funzionalità del sito www.byza.it. Non sono utilizzati cookies traccianti, di profilazione o di terze parti.

Accetto Rifiuto

Informativa completa