I diritti d'autore nel cosplay

Sabato 07 Febbraio 2015

Mi è capitato di recente di inviare ad un sito internet molto importante il set fotografico di un personaggio Disney. Ero molto contento del risultato ed ero altrettanto convinto che le fotografie sarebbero state pubblicate senza problemi. Purtroppo la risposta è stata: “ci dispiace ma abbiamo deciso di non accettare più le fotografie dei personaggi Disney per problemi legati al diritto d'autore”.

Ho così voluto indagare un po' sulla questione e sono veramente amareggiato per quanto ho scoperto. L'articolo originale da cui ho preso spunto è del 2013 ed è pubblicato da Anime News Network.

Quando si parla di violazione dei diritti d'autore scrive: “In brief, if a third party distributes the work, reproduces the work, performs the work, displays the work or creates a derivative work then they have infringed upon the creator's rights” che fa riferimento a due concetti fondamentali: “la performance” e le “opere derivate”.

A questo punto dovreste aver capito quali sono i problemi sia per i cosplayers che per i fotografi. Cercando su google ho trovato anche questo articolo che parla del risarcimento chiesto dalla Disney per una festa di compleanno dove l'animatore aveva impersonato Winnie The Pooh. Fantascienza?

Stando a quanto dice Anime News Network, nel momento in cui il cosplayer esegue una performance in pubblico, ad esempio in un contest, viola il diritto d'autore. Lo stesso vale per la fotografia perché si realizza un'opera derivata da un soggetto protetto. Doppiamente se poi la fotografia viene pubblicata e utilizzata per pubblicizzare qualcosa o qualcuno, ad esempio una fiera o un cosplayer. Sempre nell'articolo si parla anche della realizzazione di costumi copiati dagli originali (ovviamente, altrimenti non sarebbe cosplay) e dell'estensione del copyright anche alle versioni alternative dei personaggi (es: Alice Steampunk)...

Fortunatamente in giappone non ci sono problemi di questo tipo e nessuno si è mai permesso di impedire performance e opere derivate dai personaggi di anime e manga, almeno credo. Chi invece è molto fiscale su queste cose è la Disney; sicuramente quando un soggetto terzo (fotografo o cosplayer) diventa sufficientemente famoso da attirare l'attenzione del colosso americano ci si possono aspettare grossi problemi. Ricordo che quando parliamo di Disney parliamo anche di Marvel (X-Men), di George Lucas (Star Wars), le produzioni della Walt Disney Pictures (Pirati dei Caraibi) etc...

Non voglio essere tassativo, ma se prese seriamente queste considerazioni, il buon senso suggerirebbe almeno di evitare tutto ciò che fa parte del mondo Disney: niente cosplay e niente fotografie. Poi è chiaro che lo si può fare per evitare guai, oppure come protesta contro questo genere di ingiustizie. La soluzione all'italiana è ovviamente che ognuno se ne freghi finché non è coinvolto in prima persona, ma personalmente non vorrei essere il primo...


PreviousIndextNext

Utilizziamo i cookie esclusivamente per garantire una miglior fruizione delle funzionalità del sito www.byza.it. Non sono utilizzati cookies traccianti, di profilazione o di terze parti.

Accetto Rifiuto

Informativa completa