Comunismo fotografico

Giovedì 17 Ottobre 2013

Probabilmente sbaglio a invitare altri fotografi quando faccio un photoset. Ho sempre pensato che fosse un'opportunità sia per il soggetto di avere più scatti, sia per i fotografi per confrontarsi e aiutarsi. In realtà il bilancio di questa filosofia è assolutamente negativo: si finisce solo con il farsi fregare soggetti, contatti, location, progetti. Chi lavora nello spettacolo lo sa bene, perchè funziona così da sempre.

In realtà un fenomeno simile esiste anche nel mondo dell'informatica per quanto riguarda l'open source. Per gli amanti di entrambe le cose non posso fare altro che consigliare un vecchio film del 2001 titolato "Antitrust". Guardatelo, ne vale la pena!

In ogni caso è chiaro che finchè la fotografia rimane per me un hobby non ho certo bisogno di fare sciacallaggio in questo modo. Ma non posso non constatare che, al contrario di molti paesi dove le piccole imprese si uniscono per raggiungere traguardi più grandi, in Italia è sempre stata tradizione farsi le scarpe a vicenda.


Utilizziamo i cookie per garantire le funzionalità del sito www.byza.it e per offrirti una migliore esperienza di navigazione.
Accetto Rifiuto Informativa completa